Timo armidda

Vota questo articolo
(3 Voti)
REGIONE: Sardegna
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Aromi

Descrizione

Il "timo armidda" è una pianta aromatica, utilizzata in cucina per insaporire e guarnire primi e secondi piatti.

Caratterisctiche

Il timo armidda è una pianta che cresce spontaneamente in Sardegna, tanto da essere considerata "endemica".

Significa che non viene coltivata, ma nasce e cresce rigogliosa in molte zone dell'isola, grazie solo alla "natura".

Questo conferisce all'armidda un aroma molto:

  • particolare;
  • intenso;
  • ricco;

perfetto per impreziosire ed insaporire molti piatti.

La pianta del timo armidda è cespugliosa e la varietà definita "armidda" è corredata da:

  • fiori di color violetto.

In cucina

Il timo armidda è un'erba aromatica e balsamica, che si può utilizzare per valorizzare i sapori dei cibi.

È usato per smorzare il sapore di alcuni sughi e carni molto saporite.

Il suo gusto delicato ed aromatico, infatti, dona una nota di freschezza e dolcezza.

È utilizzato:

  • nei sughi e ragù di carne;
  • sugli arrosti;
  • negli spezzatini.

E' ideale quindi per piatti realizzati con carne dal sapore forte come:

  • capretto;
  • cinghiale;
  • lepre;
  • maiale.

Proprietà fitoterapiche

Il timo armidda è una pianta con qualità "fitoterapiche".

Facendolo bollire in acqua e, successivamente, filtrando il liquido, si ottiene una tisana molto utile a:

  • contrastare i dolori addominali da freddo o da indigestione;
  • i dolori mestruali e la nausea.

La tisana va bevuta molto calda e può essere dolcificata con miele ed impreziosita con un po' di succo di limone, che contribuisce al benessere dello stomaco.

Pianta decorativa

Il timo armidda è una pianta molto profumata, esposta in:

  • vaso;
  • fresca;
  • in terrazza;
  • in casa;

sprigiona un profumo delicato e piacevole e contribuisce a deodorare l'ambiente.

Il timo armidda secco, confezionato in sacchetti di cotone, può essere usato per profumare la biancheria nei cassetti o negli armadi.

Altro in questa categoria: « Prosciutto di pecora Dolcesardo Arborea »