Fichi d'India di Calabria

Vota questo articolo
(0 Voti)
REGIONE: Calabria.
TIPOLOGIA PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

I "fichi d'India di Calabria" sono un vanto della regione.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i fichi d'India di Calabria nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Caratteristiche

Frutto estivo per eccellenza, è una pianta spontanea che cresce rigogliosa lungo le zone costiere da Agosto ad Ottobre inoltrato.

Nella lingua dialettale vengono chiamati "ficamori" o "fichindiani".

La pianta è formata da:

  • rami spinosi;
  • il frutto ha una forma cilindrica ed è contenuto in una sorta di pellicola pungente che va rimossa con cautela;
  • la polpa è molto dolce ed è prevalentemente gialla.

I frutti dalla polpa bianca vengono detti "muscaredda", quelli rossi "sanguigni".

Degustazione

Raccolti a costo zero, in passato i poveri contadini calabresi prima di andare nei campi, mangiavano i fichi d'India per colazione:

  • non c'era festa patronale che non esponeva la bancarella traboccante di questo frutto così prezioso.

Con i fichi d'India calabresi si possono preparare gustose pietanze, la polpa può essere

  • mangiata al naturale o insieme alle insalate;
  • può essere servita su crostini spalmati di formaggio;
  • utilizzata anche in pasticceria per realizzare crostate, gelati, creme e deliziose marmellate.

Proprietà benefiche

Oltre ad essere gradevole al palato, ai fichi d'India di Calabria sono riconosciute molte proprietà salutari in quanto contengono:

  • molta acqua;
  • vitamine;
  • fibre e sali minerali.

Sotto forma di integratore è indicato:

  • per favorire la digestione;
  • rinforzare unghie e capelli;
  • combatte l'ipercolesterolemia;
  • aiuta a prevenire a formazione dei calcoli renali.

I&T Srl Innovativa

P.IVA 09780790961
CF 09780790961
Via Vertoiba 2, - 20137 Milano

Sistemi di Pagamento

 MasterCard  PayPal  Sepa Visa 

 

Seo by @enitto