Menola salata

Vota questo articolo
(8 Voti)
REGIONE: Sicilia
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Pesce
CERTIFICAZIONE PRODOTTO: PAT

Descrizione

Un prodotto antico, la "menola salata" denominata anche "ritùnnu salàtu" e "ritùnni salàti", è una specialità tipica di Trapani e di tutta la sua provincia, isole incluse.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito la menola salata nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Sicilia (PAT).

Caratteristiche

La menola è un pesce presente in maniera abbondante nell’intero Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico orientale tra le Isole Canarie ed il Portogallo.

Questo pesce vive in branchi smisurati sulle praterie di Posidonia Oceanica, talvolta è stata reperita ad oltre 150 metri di profondità.

L'alimentazione della menola comprende soprattutto "zooplancton" ed "animaletti bentonici", ovvero una categoria di organismi acquatici, nella quale rientrano sia organismi di acqua dolce che salata, e che vivono in stretto contatto con i fondali.

In Sicilia si pesca principalmente nel compartimento marittimo di Trapani. 

Una curiosità su questo pesce? Nasce femmina e dopo due anni diventa maschio!

Tradizione

Un alimento che viene dal mare la cui origine è da rintracciarsi nel magico mondo dei pescatori.

Questi ultimi, in virtù della "necessità di conservare i pesci rimasti invenduti", ovvero quelli "meno pregiati", lavoravano il pescato per reimmetterlo sul mercato.

Del mare, di fatto, non doveva esser buttato via nulla!

Ecco che allora l'ingegnosità dei pescatori ha dato vita alla "menola salata", realizzata con le specie:

  • Spicara;
  • Smaris;
  • Spicara maena;
  • Spicara flexuosa.

 Ognuna di esse veniva conciata per poi essere consumata a distanza di tempo in diversi modi.

Una tradizione, quella della lavorazione dei pesci menola, rimasta immutata nel tempo.

Lavorazione

A seconda dei metodi e dei tempi di lavorazione della menola otteniamo tre diversi tipi di menola salata

  • Ritùnnu salàtu
    • i pesci interi vengono sistemati a strati dentro contenitori con del sale, qui devono riposare per 48 ore;
    • dopodiché vengono lavati per bene;
    • quindi vengono sistemati al sole ad asciugare per un tempo che va dalle 48 ore alle 72 ore.
    • Trascorso questo tempo sono pronti per essere consumati.
  • Ritùnnu salàtu sott'olio
    • dopo la prima asciugatura i pesci vengono aperti e lasciati ad asciugare per altri due giorni ;
    • successivamente vengono tolte le spine
    • successivamente vengono sistemati ad asciugare per altre 24-48 ore;
    • trascorso il tempo indicato, vengono confezionati sott'olio in piccoli vasi.
  • Ritùnnu salàtu rattatu

Rattatu sta per grattugiato. Il metodo di lavorazione è identico a quello del ritùnnu salàtu, tranne la durata dell'ultima asciugatura che termina quando il sale incomincia ad essere visibile sul pesce ormai seccato.A questo punto la menola è pronta per essere grattugiata. Dal prodotto iniziale a quello finito passano circa 25 giorni.

Curiosità

La menola salata essiccata e grattugiata viene chiamata colloquialmente "bottarga dei poveri", ma rappresenta una vera prelibatezza dell'arte culinaria siciliana.

Altro in questa categoria: « Cassatella di Agira Pani cu cruscenti »

I&T Srl Innovativa

P.IVA 09780790961
CF 09780790961
Via Vertoiba 2, - 20137 Milano

Sistemi di Pagamento

 MasterCard  PayPal  Sepa Visa 

 

Seo by @enitto