Vota questo articolo
(1 Vota)
Regione: Sardegna
Tipologia di prodotti: Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria

Descrizione

Il "pane 'e covatza" sardo è una tipica focaccia ovale, soffice e gustosa, realizzata con un ripieno di berdas, meglio conosciuti come "ciccioli di maiale".

Caratteristiche

Il pane 'e covatza sardo è un prodotto tipico dell'antica tradizione sarda, una volta cotto sulla pietra ed oggi una specialità da forno a legna.

Si tratta di focaccine a metà tra il dolce ed il salato, fatte con:

  • zucchero;
  • ciccioli di maiale.

Degustazione

Si servono calde e si possono consumare come merenda, oppure come antipasto.

Sono deliziose sia guarnite di confetture dolci che salate, tipo:

  • mostarda;
  • marmellate;
  • confetture per formaggi, sia servite in accompagnamento a taglieri di salumi e caprini tradizionali della Sardegna.

Il pane 'covatza si accompagna, rigorosamente, con un buon vino nero, corposo e speziato.

La ricetta antica del pane 'e covatza

Il pane 'e covatza è una ricetta molto antica, tramandata di madre in figlia attraverso i secoli.

Tutt'oggi, la vera focaccia dolce con i ciccioli sarda si prepara in un solo modo:

  • impastandola a mano, col lievito madre, e cuocendola nel forno a legna.

È possibile, comunque, cuocerla anche in un forno elettrico o a gas, per prepararne una versione casalinga.

Ingredienti

Per preparare il pane 'e covatza serve:

  • 1 kg di farina di semola;
  • 200 gr circa di berdas;
  • ciccioli di suino;
  • 300 gr di zucchero semolato;
  • 150 gr di noci tritate al mixer;
  • un'abbondante manciata di uvetta sultanina nera;
  • la scorza grattugiata di un'arancia;
  • un pizzico di polvere di anice o una goccia di aroma;
  • 100/120 gr di madrighe che, in dialetto sardo, vuol dire lievito madre.

Preparazione

  • Per preparare il pane 'e covatza bisogna iniziare rivitalizzando "sa' madrighe", cioè il lievito madre, in acqua tiepida;
  • dopodiché si versa sul piano di lavoro la farina a fontana;
  • si aggiunge il lievito madre e si impasta a mano, delicatamente, fino ad ottenere un impasto morbido e lievemente appiccicoso;
  • si lascia riposare, coperto da un canovaccio pulito, per un'ora e mezza;
  • al termine del tempo di prima lievitazione, si reimpasta il tutto aggiungendo gli altri ingredienti e si lascia lievitare ancora una mezz'oretta.

Lavorazione

A questo punto si preparano le focaccine:

  • di forma rigorosamente ovale;
  • alte circa 0,5 cm;
  • con un diametro di circa 15 cm.

Cottura

Si infornano nel forno a legna o nel forno normale a 200°, zuccherate abbondantemente in superficie, fino a doratura uniforme.

Altro in questa categoria: « Miele di castagno Is Angules »

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.