Vota questo articolo
(2 Voti)

Gli originali sono rigorosamente fritti, ma c’è chi li prepara anche al forno. Ecco la ricetta originale dei panzerotti pugliesi e una variante light

I panzerotti pugliesi sono uno dei piatti tipici della regione, capaci di mettere d’accordo tutti, grandi e piccoli. C’è chi li predilige rigorosamente fritti, come vuole la tradizione, chi, invece, al forno, per una variante più leggera. Quel che è certo, è che i panzerotti pugliesi sono sinonimo di compagnia, di condivisione e giovialità.

Secondo alcuni, il panzerotto pugliese sarebbe nato a Bari, intorno al XVI secolo. Le donne erano solite preparare questo piatto con gli avanzi dell’impasto del pane nei quali mettevano all’interno pomodori e pezzi di formaggio. Ecco come preparare i panzerotti fritti pugliesi e la loro variante light al forno.

Ricetta Panzerotti pugliesi - Ingredienti

Fanno parte delle ricette pugliesi più golose e sono spesso considerati uno street food. Eppure, i panzerotti pugliesi sono un cibo che può essere consumato ovunque e sicuramente in ogni occasione. Da mangiare caldi, con il ripieno bollente, ecco quali sono gli ingredienti necessari per preparare questo piatto.

Partiamo dall’occorrente per realizzare l’impasto per panzerotti:

      • 500 grammi di farina (100% semola o 50% semola e 50% farina 00)
      • 1 cucchiaino di zucchero
      • Mezzo cubetto di lievito di birra
      • 2 cucchiai d’olio
      • 1 cucchiaio di sale
      • 200 ml di acqua tiepida
      • 100 ml di latte
      • olio di semi per la frittura

Vediamo invece gli ingredienti per il ripieno:

        • 250 grammi di pelati
        • 1 mozzarella (meglio se treccia o scamorza)
        • sale q.b.
        • origano
        • pepe
        • formaggio grattugiato

Come fare i panzerotti pugliesi fritti - Preparazione

La prima cosa che dobbiamo fare nella preparazione dei nostri panzerotti pugliesi fritti è il lievitino. Si tratta di una soluzione che consente di conferire all’impasto maggiore leggerezza. Si prepara lavorando insieme il mezzo cubetto di lievito, lo zucchero, il latte con un po’ di acqua e due cucchiai di farina di semola.

Una volta preparato l’impasto per panzerotti, lo dovete lasciare riposare, coperto da pellicola e canovaccio, per circa mezz’ora, fino a quando non raddoppia il suo volume.

Mentre il lievitino fa il suo corso, preparare il ripieno. Disponete in un colino la mozzarella o la scamorza sminuzzata, in modo da perdere l’acqua in eccesso e risultare più asciutta durante la cottura. A parte, condite la salsa di pomodoro, con un pizzico di sale e origano. La salsa deve essere molto asciutta. Se è il caso, sgocciolatela e successivamente unite il formaggio grattugiato e il pepe.

Disponete adesso la farina a fontana. Versate al centro l’olio evo, il sale e il lievitino. Incorporate poco alla volta la farina, aggiungendo lentamente l’acqua tiepida. Lavorate l’impasto fino a ottenere un panetto morbido ed elastico, sul quale andrete a incidere una croce. Copritelo con pellicola e canovaccio e lasciate lievitare per circa 2 ore in un ambiente caldo.

Finita la lievitazione, formate delle palline di impasto, coprite e lasciate riposare ancora per 30 minuti. Poi, stendete i panetti fino a formare dei dischi, farcite con il ripieno, inumidite i bordi con dell’olio, chiudete a forma di mezzaluna e sigillate bene l’impasto con le punte di una forchetta.

Friggete subito in abbondante olio caldo, da entrambi i lati, fino a completa doratura. Serviteli caldi. Importante ricordare che i panzerotti vanno fritti subito dopo preparati, per evitare che il ripieno inumidisca troppo l’impasto. Ecco perché è sempre meglio farsi aiutare durante la preparazione.

Preparazione Panzarotti intavoliamo

Panzerotti pugliesi al forno. La variante light

Lo sappiamo, la ricetta originale vuole rigorosamente il panzerotto fritto. Tuttavia, può esserci chi preferisce prepararlo al forno, per godere ugualmente di tutta la bontà di uno dei piatti tipici pugliesi più conosciuti, ma in una variante più leggera.

Partiamo dagli ingredienti, che sono gli stessi della preparazione precedente. Anche la preparazione dell’impasto segue la stessa procedura.

In questo caso, quello che potete cambiare è il ripieno: potete sbizzarrirvi nelle varianti che preferite.

Dalla soluzione tradizionale a base di mozzarella e pomodoro, potete preparare ripieni di acciughe, mozzarella e olive pugliesi. Non ci sono limiti alla creatività. Tra le tante soluzioni a disposizione, due sono tra quelle più tipiche: un ripieno di carne macinata o di rape stufate. C’è infine chi li prepara con la ricotta forte, un formaggio morbido pugliese e leggermente piccante.

L’importante è che l’impasto non presenti grumi e che sia della giusta consistenza, in modo che la pasta sia facile da stendere ma non si rompa durante la cottura. La preparazione non deve essere troppo dura, né troppo morbida e appiccicosa per evitare che si inumidisca eccessivamente una volta inserito il ripieno.

Preparate le vostre palline e sistematele su una teglia foderata di carta forno. Lasciatele riposare in un luogo caldo per 10 minuti. Poi, stendete l’impasto, ottenendo i dischi da farcire. Chiudeteli bene e riponeteli su una teglia. Cuocete in forno per 180°, per circa 20 minuti. Servite i vostri panzerotti ripieni ben caldi.

Panzarotti Pronti intavoliamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.