Visualizza articoli per tag: Verdura

REGIONE: Sardegna
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Vegetali

Descrizione

"Appio" è il nome con cui i sardi si riferiscono alla "pianta del sedano" nel loro dialetto.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito l'appio nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Sardegna (PAT).

Caratteristiche

Le raccolte di appio iniziano dalla metà di Agosto e si protraggono fino ai primi geli.

La conservazione del sedano rapa, avviene:

  • in celle frigorifere, senza subire alcun trattamento;
  • si protrae per un periodo di 4-5 mesi.

La commercializzazione del sedano rapa ha inizio con la metà del mese di Agosto e prosegue fino a Marzo.

Tradizioni

Per i sardi tutti gli alimenti sono simbolici o addirittura sacri:

  • per questo motivo ogni piatto rimanda ad un particolare momento dell'anno o della vita e spesso viene consumato per ottenere qualcosa.

Ad esempio, i sardi, considerano l'appio un alimento estremamente "afrodisiaco".

Nell'antichità veniva servito a tavola in grande quantità in favore degli uomini che dovevano provvedere a creare una prole.

E' possibile che se ti trovi in Sardegna, non vedrai mai un uomo sardo accettare questo tipo di cibo per incrementare il proprio desiderio sessuale.

Per il "noto orgoglio tipico" della gente del luogo, al contrario, è probabile che ti venga offerto insieme a formaggio, salumi e pane.

Contrariamente a quanto si pensa, i sardi sono molto ospitali!

Prprietà

Includere l'appio nella tua alimentazione, può farti solo che bene!

Scopriamo insieme solo alcune delle innumerevoli proprietà salutari e benefiche dell'appio per il nostro organismo!

"Favorisce la perdita del peso" in quanto è composto per il 95% di acqua ed è povero di calorie per ogni 100 grammi il sedano di calorie ne ha solo 16), è quindi raccomandato per le persone che soffrono di "obesità".

"Agevola l'andare di corpo" in quanto agisce come un "potente lassativo":

  • contiene importanti quantità di "fibre", che si attivano come fossero delle spugne, raccogliendo le tossine dalle pareti intestinali per far scorrere le feci molto più facilmente.

La presenza di alcune molecole, quali fenolo e inositolo, migliorano l'attività gastrointestinale, riducendo notevolmente la presenza di gas.

"Aumenta la diuresi", infatti da diversi studi condotti, si è scoperto che l'appio contiene "selenio", "limonene" e "asparagina", ovvero "olii" che funzionano come "stimolanti per un’attività ottimale dei reni":

allo stesso modo anche il "potassio" e il "sodio", insieme agli altri elementi, contribuiscono al processo di "rimozione di eccesso di liquido" nel corpo.

È bene però, prestare attenzione al consumo di questo ortaggio nel caso in cui si soffra di" malattie renali", poiché alcune sostanze contenute nel sedano possono risultare "irritanti per i reni".

"Proposto l'utilizzo in malattie infiammatorie" come ad esempio:

  • asma;
  • artrite;
  • ischialgia;
  • bronchite;
  • gotta.

Alcuni fitonutrienti in esso contenuti sono inoltre validi alleati contro "l'ipertensione" perché interagiscono con alcuni ormoni che regolano la pressione del sangue.

"Calma il sistema nervoso", il suo "estratto" contiene un "alcalino minerale", che è un componente che ha un effetto "sedativo e rilassante" che si riflette direttamente sul sistema nervoso.

Si tratta di un aiuto eccellente per tutte quelle persone che hanno sofferto e soffrono di problemi di insonnia.

Proprio per questi motivi, sarebbe opportuno bere almeno un bicchiere di estratto o succo di sedano ogni sera, preferibilmente un'ora prima di andare a letto.

Per poterne sfruttare tutte le proprietà benefiche dell'appio, l'ideale è consumarlo "crudo", ma anche "cotto al vapore".

L'importante è evitare le cotture troppo prolungate.

Degustazione

In Sardegna si utilizza questo prodotto vegetale in diversi buonissimi piatti tipici appartenenti alla tradizione:

  • il sedano è particolarmente adatto come "base per il brodo";
  • utilizzato all'interno di una "farcia per l'agnello";
  • le zuppe di erbe selvatiche e di ortaggi vedono l'appio come uno degli "ingredienti fondamentali".
Pubblicato in SARDEGNA
Etichettato sotto
REGIONE: Puglia
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Vegetali trasformati

Descrizione

Gli "asparagi sott'olio" sono un prodotto tipico pugliese e vengono preparati con gli asparagi selvatici o coltivati.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito gli asparagi sott'olio nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Puglia (PAT).

Origine

Gli asparagi selvatici sono i getti giovani della pianta dell'asparago, una pianta che si trova soprattutto nell'area meridionale, che cresce e viene raccolta tra le macchie di vegetazione e nei boschi.

Gli asparagi fanno parte della cucina povera del passato e venivano consumati sia dagli Egizi che dagli antichi Romani.

Ingredienti

Gli in gredienti necessari per la preparazione degli asparagi sott'olio  sono:

  • 500 g di asparagi selvatici freschi;
  • 250 ml di aceto di vino bianco;
  • 500 ml di acqua;
  • 3 spicchi di aglio;
  • 2 peperoncini;
  • olio extravergine di oliva q.b.;
  • sale q.b.

Preparazione

Iniziamo con la preparazione degli asparagi sott'olio selvatici, quindi:

  • pulite gli asparagi selvatici da eventuali residui di terra;
  • spuntateli e sciacquateli velocemente sotto l'acqua fredda;
  • portate a bollore l'acqua e l'aceto, quindi immergetevi gli asparagi;
  • salate e fate cuocere 5 minuti dalla ripresa del bollore.

Nel momento in cui gli asparagi saranno pronti, prelevateli con aiutandovi con una schiumarola e lasciateli raffreddare completamente per un giorno intero (24 ore).

Trascorso questo tempo, potrete cominciare ad invasarli.

Chiaramente, prima dell’invasamento, dovrete accertarvi che i barattoli siano stati sterilizzati accuratamente.

Una volta superata la fase di disinfezione, potretre iniziare a invasare gli asparagi, procedete in questo modo:

  • cominciate a mettere un po' di asparagi nel vasetto ed aggiungete anche l'aglio e il peperoncino tagliati;
  • coprite con abbondante olio extravergine di oliva
  • proseguite con la stratificazione nei vasetti ancora con asparagi, aglio, peperoncino e olio, fino a terminare gli ingredienti.

Una volta che avrete concluso anche con questa fase, pressate gli asparagi con una forchetta per essere sicuri che siano tutti immersi nell'olio e che non si siano formate delle bollicine d'aria, che eventualmente in questo modo saliranno in superficie.

Chiudete il vasetto ermeticamente e lasciatelo in luogo fresco e asciutto per circa 1 settimana prima di consumarlo.

Il tempo di riposo serve per far insaporire perfettamente le verdure.

Variante

Vogliamo proporvi una alternativa semplicissima e saporitissima degli asparagi sott'olio ovvero:

  • gli asparagi sott'olio in agrodolce.

Ingredienti

Gli ingredienti da recuperare per questa sfiziosa ricetta sono:

  • 1 mazzetto di asparagi selvatici;
  • 500 ml di aceto di vino bianco;
  • 500 ml di acqua;
  • 1 carota;
  • 1 costa di sedano;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 pizzico di peperoncino fresco;
  • olio extravergine di oliva q.b.;
  • mentuccia q.b.;
  • prezzemolo q.b.;
  • sale q.b.

Preparazione

Iniziamo la preparazione degli asparagi sott'olio in agrodolce quindi:

Anzitutto è necessario utilizzare uno o più barattoli precedentemente sterilizzati, poi;

  • pulite e spezzettate gli asparagi prendendo le punte più tenere;
  • lavateli accuratamente sotto acqua corrente;
  • prendete una pentola a bordi alti, riempitela di acqua e aceto di vino bianco, quindi portate a bollore.

A questo punto, dovrete:

  • immergere gli asparagi e le varie verdure tagliate a pezzetti;
  • aggiustate con un pizzico di sale;
  • continuate la cottura per 5 minuti.

Trascorso questo tempo, scolate il tutto, asciugate e fate raffreddare.

In una ciotola condite gli asparagi con:

  • la menta;
  • il peperoncino;
  • il prezzemolo;
  • l’aglio.

Ora, passiamo alla fase di invasamento, ovvero:

  • versate tutti gli ingredienti in un barattolo predisposto di chiusura ermetica;
  • successivamente, pressate bene le verdure ed aggiungete abbondante olio extravergine di qualità fino a ricoprire interamente le verdure;
  • abbiate l'accortezza di non lasciare vuoti d'aria che andranno poi a creare delle bollicine nel barattolo;
  • a questo punto chiudete ermeticamente e lasciate riposare i vostri asparagi sott'olio in agrodolce per almeno 2 ore.

Se passate le 2 ore, noterete che l'olio sarà stato assorbito e le verdure risulteranno "scoperte", allora rabboccate con ulteriore olio fino a ricoprirle interamente per la seconda volta.

Lasciate riposare la vostra conserva in un luogo asciutto e privo di luce per almeno 2 settimane, prima di procedere con la degustazione!

Trascorso questo tempo, gli asparagi sott'olio in agrodolce si saranno impregnati della squisita essenza agrodolceche li caratterizza!

Pubblicato in PUGLIA
Etichettato sotto
REGIONE: Sardegna
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Vegetali trasformati

Descrizione

"L'asparago selvatico", in dialetto "ispàrau", "sparàu" e "ipàramu", è un prodotto tipico della Sardegna.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito l'asparago selvatico nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Sardegna (PAT).

Origine

L'asparago selvatico è una pianta tipica della macchia mediterranea e veniva raccolta e consumata sin dai tempi degli Egizi e degli antichi romani.

Il suo torione (getto della pianta), è molto più sottile rispetto all'asparago normale e in Sardegna può essere trovato nei boschi, nei sottoboschi e nelle campagne.

Degustazione

L'asparago selvatico è una vera e propria prelibatezza e viene utilizzato per realizzare:

  • ottime frittate;
  • come condimento per pasta o riso;
  • consumato come contorno di carne e pesce.
Pubblicato in SARDEGNA
Etichettato sotto
REGIONE: Calabria
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

"L'asparago selvatico della Calabria" viene utilizzato sia come pianta commestibile sia per le sue proprietà benefiche.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito l'asparago selvatico della Calabria nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Origine

L'asparago selvatico della Calabria è una pianta erbacea perenne diffusa:

  • nei pascoli;
  • nei cespugli;
  • nelle radure;
  • nelle zone boschive.

Si distinguono dagli asparagi coltivati perché risultano più sottili e spinosi.

Hanno un sapore amarognolo e intenso, per questo vengono utilizzati per realizzare tanti piatti come:

  • frittate;
  • contorni;
  • antipasti;
  • in alcune zone della Calabria vengono conservati sott'olio.

In cucina

L'asparago selvatico della Calabria lo puoi preparare in tantissimi modi in quanto, essendo un alimento molto versatile, può essere combinato con tantissime ricette.

Puoi cucinarli con:

  • le uova, sia sottoforma di frittate o come contorno di uova al tegamino.

Puoi gustarli:

  • crudi, conditi con olio, limone e grana, oppure come condimento per la pasta o il riso.

L'asparago selvatico della Calabria può essere lessato e usato come:

  • contorno di carne o pesce;
  • sono ottimi anche saltati in padella, grigliati, pastellati o fritti;
  • nonchè al forno per preparare ottime torte salate.

Consigli

Il consiglio che posso darti è di cucinarli non più di dieci o quindici minuti in base allo spessore dell'asparago, per non fargli perdere il sapore che li contraddistingue.

Quando li salti in padella non usare l'aglio, ma utilizza la cipolla o lo scalogno.

Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
REGIONE: Puglia
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Vegetali trasformati

Descrizione

La "patata dolce" o "batata dell'agro leccese" è un tipo di patata molto zuccherina tipica della Puglia e molto nota agli abitanti che la utilizzano sin dall' antichitità in diverse preparazioni culinarie.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito la batata dell'agro leccese nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Puglia (PAT).

Tradizioni

La patata viene chiamata anche "patàna" o "taràtufulu", per cui ogni denominazione può essere ricondotta alla stessa variante di patata dolce.

Nel passato, la sua coltivazione era circoscritta alla zona del Salento, in particolare nel comune di Calimera.

Nel tempo, la coltivazione si è diffusa anche nelle zone adiacenti, e ad oggi, c'è una forte presenza in quasi tutto il territorio della provincia di Brindisi e di Lecce.

Essa viene coltivata da Febbraio ad Ottobre e raccolta da Settembre a Novembre.

Presentazionde

La batata dell'agro leccese si presenta con:

  • un colore rossastro;
  • la polpa di colore giallo;
  • è molto zuccherina;
  •  ricca di fecola e di amidi, motivo per cui è possibile ottenere dalla stessa una buona farina.

Utilizzo

In cucina si presta molto nella preparazione di:

  • frittelle;
  • focacce e tipi di pasta a base di patate.

Puoi utilzzare la batata anche:

  • al forno;
  • fritta;
  • cotta nella cenere.

Fate attenzione però, perchè essendo un tubero contenente molti zuccheri, il sapore è particolare e potrebbe non prestarsi al gusto di tutti.

D' altro canto, la patata fritta e cosparsa di zucchero è una ricetta che piace molto ai bambini per merenda!

Curiosità

Oltre ad usarla in cucina, puoi anche prendere spunto dall'uso ornamentale che ne facevano gli antichi e metterla in acqua per ottenere una bellissima pianta con le foglie a forma di cuore.

Pubblicato in PUGLIA
Etichettato sotto
REGIONE: Calabria
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

I "broccoli di rapa", detti anche "cime di rapa", sono un vegetale molto apprezzato soprattutto nella zona calabrese, che lo produce e lo usa sia per la vendita commerciale che per uso interno.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i broccoli di rapa nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Caratteristiche

I broccoli di rapa corrispondono esattamente a quella parte di colore verde che non è ancora fiorita del tutto.

Ciò che la distingue dalla rapa è:

  • la sua radice e il colore dei suoi fiori che è giallo.

broccoli rapa si producono soprattutto nel periodo più freddo perché sono un vegetale stagionale ed è preferibile non consumarli crudi perché hanno un sapore particolarmente amaro.

Degustazione

Quando i broccoli rapa vengono raccolti freschi è bene innanzitutto procedere a "bollitura" e poi cucinarli come si preferisce secondo i gusti personali.

La ricetta più comune, rigorosamente meridionale, è quella delle "orecchiette con cime di rapa" oppure c'è chi ama associarli alla "salsiccia", creando un tipico piatto invernale.

I broccoli di rapa, sia cucinati che a crudo, possiedono un gusto davvero forte e non è indicato associarli ad alimenti con sapori altrettanto marcati.

Quindi è bene cucinarli con:

  • patate;
  • tofu o altri ingredienti leggeri e dal sapore delicato per evitare di avere un risultato spiacevole.

Quando si portano a bollitura bisogna aggiungere un po' di sale e lasciare in pentola per almeno un quarto d'ora.

In seguito si possono utilizzare a piacimento, conditi con olio e limone o associati in altri piatti, come carne o anche pasta per chi ama i sapori forti.

Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
Pagina 1 di 7
Cookies Notice

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.